Anello della Val Taleggio

Download file: anello_val_taleggio.GPX

Località di partenza: Almenno San Salvatore (BG)
Dislivello salita totale: 950 m
Tempo di percorrenza complessivo: 4 ore
Quota massima raggiunta: Forcella di Bura 884m
Distanza percorsa: 66 km
Valutazione:

* * * * *

Impegno fisico:
* * * * *

Punti di appoggio: bar lungo il percorso
Presenza di acqua: sì, fontantelle lungo il percorso
Riassunto itinerario: Almenno San Salvatore > Berbenno > val Brembilla > Blello > Taleggio > Val Taleggio > San Giovanni Bianco > Ciclovia della Val Brembana > Zogno > Almenno San Salvatore

Giro in bici di grande soddisfazione sia a livello fisico che per le strade che si percorrono.

Partiamo dal parcheggio del campo sportivo di Almenno San Salvatore e pedaliamo verso nord lungo la Valle Imagna. Dopo circa 7km lungo la strada provinciale della Valle Imagna, svoltiamo a destra verso Berbenno.

Si inizia a salire con qualche tornante, poi la strada diventa meno ripida e si superano gli abitati di Blello, Gerosa, fino a raggiungere la Forcella di Bura. Da qui la strada scende fino a raggiungere il ponte sul torrente Enna e poi risale sull’altro versante.

Superiamo i paesi di Lavina, Olda e raggiungiamo Sottochiesa. Da qui si prende la SP25 che scende fino in Val Brembana percorrendo la meravigliosa strada dell’Orrido della Val Taleggio. La bici scorre veloce, lineare, si devono impostare bene le curve che si snodano lungo l’orrido, tra gole e gallerie, è da provare!

Usciti in Val Brembana sulla SS470, a San Giovanni Bianco, dopo aver superato ancora una volta il torrente Enna, si svolta a destra in via Roma, lasciandoci alle spalle il traffico della statale e andando a prendere la Ciclovia della Val Brembana.

Questa ciclovia ripercorre quella che una volta era la vecchia ferrovia della valle. Ci sono gallerie illuminate ed è totalmente asfaltata. Nei weekend potreste trovare un po’ di “traffico pedonale”. la seguiamo pedissequamente fino a Zogno, poi noi decidiamo di distaccarci dalla ciclabile per tornare sulla strada asfaltata sull’altro lato del fiume Brembo, salire verso Ubiale e Bondo e poi ridiscendere su Almenno San Salvatore e tornare alla macchina.

About the author

Va in montagna da sempre ma dagli anni del liceo, e poi dell'università, la scimmia ha cominciato a farsi sentire sempre più forte. All'inizio solo in mountain bike mentre adesso potrebbe essere definito un poli-atleta.
Ha una passione masochista per le uscite avventurose che prevedono enormi dislivelli e distanze esagerate. Dal 2020 è diventato un cyborg a causa di un infortunio sul longboard.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.