Direttissima al Cornizzolo

Download file: Direttissima_al_Cornizzolo.GPX

Località di partenza: Suello LC (860 m)
Dislivello salita totale: 910 m
Tempo di percorrenza salita/complessivo 1.5 ore / 2.5 ore
Quota massima raggiunta: 1241m, vetta monte Cornizzolo
Distanza percorsa: 6,5 km
Attrezzatura: normale da escursionismo
Valutazione:

* * * * *

Impegno fisico:
* * * * *

Punti di appoggio: rifugio Marisa Consiglieri
Presenza di acqua: fontanella lungo la scalinata iniziale, fontanella a Priel
Riassunto itinerario: Suello > Priel > curva strada asfaltata > Cornizzolo > curva strada asfaltata > Priel > Suello

Camminata ripida, quasi da chilometro verticale, da percorrere con calma per i meno allenati in una gita di mezza giornata o, per i più allenati, per un giro estivo post-lavoro data la vicinanza alle città e la facilità di accesso.

Si lascia l’auto poco distanti dall’inizio del sentiero, poco oltre il cimitero di Suello e si inizia la salita dapprima lungo la via crucis che sale ripida su sentiero e, superato un ponticello di legno, lungo una serie di ripidi gradini che portano nel bosco. Il corpo deve abituarsi ed il fiatone nella prima parte della salita è assicurato.

Entrati nel bosco il sentiero diventa a tornanti su fondo sassoso. Ogni tanto vediamo delle placche attaccate alle rocce che indicano i metri di dislivello mancanti alla vetta. Da questo sentiero passa la gara Cornizzolo Vertical (i migliori riescono ad arrivare in cima di corsa in circa mezz’ora!).

Giunti a Priel, dove ci sono dei tavolini e dei barbecue ad uso comune ed una fontanella, seguiamo le indicazioni “Cornizzolo – direttissima”.

La parte seguente nel bosco è un susseguirsi di tornanti o di tracce che li “tagliano”, si può decidere se salire dolcemente o direttamente (noi nella traccia proposta siamo saliti con calma e scesi facendo i tagli), in ogni caso la direzione da prendere è sempre “verso l’alto!”.

Dopo molti tornanti si esce dal bosco sui prati dove si inizia ad intravedere la croce di vetta. Si raggiunge la strada asfaltata che parte da Eupilio e arriva al rifugio (comoda per una camminata serale). Sulla curva, proprio di fronte a noi anche se a volte è nascosto dalla vegetazione, riparte il ripido sentiero che giunge, verticale, alla cima.

Dalla croce di vetta del monte Cornizzolo il panorama spazia a 360° sulla Brianza, sulle montagne tutt’attorno e sul Lago di Como. È una posizione ottima per godersi il tramonto o per vedere dalle montagne della Svizzera fino agli Appennini nelle giornate più terse.

Scendiamo dal medesimo sentiero.

About the author

Va in montagna da sempre ma dagli anni del liceo, e poi dell'università, la scimmia ha cominciato a farsi sentire sempre più forte. All'inizio solo in mountain bike mentre adesso potrebbe essere definito un poli-atleta.
Ha una passione masochista per le uscite avventurose che prevedono enormi dislivelli e distanze esagerate. Dal 2020 è diventato un cyborg a causa di un infortunio sul longboard.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.